il tè più pregiato

piante di tèSri Lanka è famosa per la sua vasta produzione di tè pregiati. La coltivazione della Camellia Sinensis, l’arbusto da cui si ricavano le preziose foglioline, è però relativamente recente. Essa risale infatti intorno al 1870, quando la ruggine distrusse la maggior parte delle piante di caffè presenti sull’isola e si rese necessario sostituirle con un’altra coltivazione.

Il merito va a James Taylor , un proprietario terriero scozzese, che per primo piantò gli arbusti del tè in meno di 8 acri di terra; Il suo esempio fu seguito anche da altri coltivatori e la regione montuosa dell’isola si dimostrò ambiente ideale per la produzione del tè.Le piante, ordinate in lunghe fila su terrazzamenti, sono potate in modo da ramificare sin dall’altezza del suolo e da non spingersi oltre il metro; se così non venisse fatto, l’arbusto crescerebbe sino ad un’altezza di 10 metri.

Il lavoro del raccolto, effettuato interamente a mano da donne Tamil, consiste nell’effettuare la “brucatura” del germoglio in cima a ogni rametto e di un certo numero di foglie che lo circondano. Portate alle fabbriche le foglie vengono parzialmente seccate, soffiando su di esse aria a temperatura controllata; vengono poi triturate, operazione che da inizio alla fermentazione.

L’arte nella produzione del tè sta tutta nel sapere quando interrompere la fermentazione e procedere alla torrefazione per produrre la fogliamarrone-nera finale. Ultimo passo: la selezione delle foglie, che passano in enormi setacci che li selezionano in base alla grandezza. Più sono giovani e tenere le foglie più la miscela è pregiata.

Le qualità migliori sono quelle denominate Fannings, Broken Orange Pekoe e Flowery Pekoe, che contraddistinguono tè in cui entra solo il germoglio e la prima foglia del ramo; Orange Pekoe è invece la miscela in cui entrano anche le seconde foglie, Pekoe le raccoglitrici del teterze.

Esiste poi un’ulteriore distinzione in base all’altitudine alla quale il tè viene coltivato: i tè di bassa quota ( sotto i 600 m )sono forti, con molto ” corpo ” ma poco ” aroma “, quelli d’alta quota ( sopra i 1200 m ) crescono più lentamente e sono rinomati per il loro aroma delicato.Il tè che cresce ad un’ altitudine intermedia è una via di mezzo. Con una produzione annua di 200 tonnellate, Srilanka è, dopo la Cina e l’India il terzo paese produttore e il primo paese esportatore di tè a livello mondiale.  Il tè Ceylon è reputato il più pregiato al mondo.

ceylon tea - il migliore al mondo

Share This Post