Sri Lanka : la storia antica nelle 5 località da non perdere


Cinque secoli prima della nascita di Cristo,  lo Sri Lanka era già una terra vitale e con una civiltà ben sviluppata.  Città, palazzi, monasteri, templi e capolavori artistici testimoniano la bellezza di questo antichissimo paese. La storia narra di un popolo di origine ariana proveniente dall’India settentrionale chiamato Sinhala.

I Sinhala si sono stabiliti nella pianura centrale a nord dell’isola dove hanno sviluppato una fiorente agricoltura e un sistema di governo eccellente che ha dato stabilità al paese per più di duemila anni. La fama della sua capitale Anuradhapura, fondata nel 4° secolo a.C. , si è diffusa nella storia fino al Mediterraneo, si sono stabiliti rapporti commerciali con la Cina e nel 247 a.C. è accaduto l’evento più importante per l’isola: la conversione del popolo al Buddismo.

A testimonianza della sacralità della capitale svetta l’albero Bo, meraviglioso esemplare di Ficus religiosa che la leggenda vuole cresciuto da una talea dell’albero sotto cui il Budda ricevette l’illuminazione, portata sull’isola da una principessa indiana nel III secolo a.C.  Per questo motivo l’isola è diventata il luogo di speciale santità dove molti religiosi hanno trovato la loro dimora.

Oltre alla capitale Anuradhapura, in Sri Lanka sono state fondate importantissime città quali Mihintale, situata a 11 km da Anuradhapura, considerata come la culla del buddismo e dove il re Devanampiyatissa ricevette il primo insegnamento del buddismo nel III secolo a.C.

Si tratta di una roccia che sorge fiera, imponente che ospita templi e grotte naturali. Una scalinata di 1840 gradini conduce dai piedi di Mihintale alla sua cima.  Dall’alto si gode di una vista sul paesaggio sottostante a dir poco memorabile.

Polonnaruwa invece è la città medievale dello Sri Lanka dove si possono ammirare le maestose statue e rovine raffiguranti il Buddha e le divinità locali.

Sigiriya è un’altra città piena di leggende e storie d’amore.  Un’altra fra le meraviglie dello Sri Lanka è la roccia-fortezza che si innalza nel mezzo della giungla e taglia il cielo regalando una visuale maestosa.

Dambulla, vicino a Sigiriya, ospita invece il “Tempio d’Oro”.  Si tratta di un monastero rupestre   composto da 5 grotte santuario, interamente decorate con pitture murarie di soggetto buddhista risalenti al XVIII secolo e che hanno offerto asilo al re durante i 14 anni di esilio da Anurahadapura. Nella prima di queste è situata una statua di 14 metri raffigurante  il Buddha sdraiato e incavato nella pietra stessa. Nella seconda grotta ci sono più di 50 statue a grandezza naturale di molte divinità.  Inoltre si possono ammirare numerose immagini di Buddha, affreschi che riproducono diverse fasi della sua vita ed episodi importanti della storia del popolo. Il re fece costruire questo tempio in segno di ringraziamento dopo aver conquistato il potere. Si tratta del tempio più importante e affascinante dell’ isola, tanto che la veduta dalla sua sommità è realmente irripetibile.

Share This Post